Come cucinare gli spaghetti al caviale senza panna in soli 10 minuti

La ricetta da single della pasta al caviale, primo piatto delle grandi occasioni per eccellenza, realizzabile in soli 10 minuti e particolarmente delicato, elegante e adatto a tutti se non si usa la panna.

Le ricette con caviale non sono certo quelle da tutti i giorni, ma nelle occasioni veramente speciali, come la cena della Vigilia o Capodanno, secondo me vale davvero la pena gratificarsi un po’ e viziare i propri commensali preparando gli spaghetti al caviale senza panna veloci, primo piatto raffinatissimo, dal sapore sublime e realizzabile alla perfezione in soli 10 minuti anche da chi non è un “ asso ” in cucina o non ha tempo o voglia di stare dietro ai fornelli.

L’usanza di fare la pasta al caviale con la panna  deriva dal fatto che in Russia i blinis vengono abbinati a uova di storione e crème fraîche (che, però, è panna inacidita e non quella classica), ma io preferisco seguire questa ricetta che non ne prevede l’uso, perché la crema di latte non piace a tutti, è pesante a digerirsi e, a mio parere, copre l’aroma di mare che deve poter sprigionare questo piatto cucinato rigorosamente in bianco.

La preparazione è realizzabile non solo con varietà pregiate di “ vero ” caviale  ricavato da da pesci appartenenti alla famiglia delle Acipenseridae (come il Beluga, il Sevruga e l’Asedra), ma anche con i succedanei del caviale dai prezzi  assai più contenuti, come le uova di lompo e quelle di capelin (piccolo pesce dei mari nordici).

Le uova di capelin sono più scure, piccole ed economiche di quelle di storione

Certamente il risultato non potrà essere eccelso come quello che si  può ottenere con l’uso di uova di storione, ma, dato che in occasioni meno importanti delle Feste impiego nella  ricetta il “ caviale low cost ” di lompo dai granelli neri e piccoli per non affrontare una spesa proibitiva ( me la permetto solo 1 o 2 volte al massimo all’anno quando voglio “ coccolare ” me e i miei commensali), ti posso assicurare che il piatto è comunque appetitoso e scenografico.

Tieni presente che, vero o “ finto ” che sia, il caviale fresco va conservato in frigorifero e deve essere consumato nel giro di 3 giorni da quando se ne apre il barattolino e che non è possibile tenerlo nel freezer.

Puoi usare anche linguine, tagliatelle o tagliolini, ma, secondo me,  sono proprio dei normali spaghetti di grano duro trafilati al bronzo di buona qualità e che tengono bene la cottura a rendere la pasta al caviale davvero eccellente e della ottimale consistenza.

Del resto sono famosi gli spaghetti al caviale estivi del grandissimo Gualtiero Marchesi, primo tra i grandi maestri di gastronomia a cucinarli una sera a locale chiuso per un gruppo di chef nel lontano 1985, dato che aveva capito  che sono proprio gli spaghetti il formato più adatto ad essere condito con uova di pesce, quando gli altri rinomati cuochi italiani dell’epoca le impiegavano unicamente con tagliolini freschi e panna liquida.

Esecuzione della ricetta: facile

Tempo occorrente: 10 minuti + 10 minuti di cottura

Costo: alto o basso a seconda del tipo di caviale usato

 

Ingredienti per 4 persone:

400 g di spaghetti

3 cucchiai di caviale

50 g di burro

1 limone non trattato

pepe nero (o pepe bianco di Penja) q.b

sale q.b

Preparazione rapida e semplice degli spaghetti al caviale senza impiego di panna

Buccia di limone fatta a filetti sottili con utensile apposito

Lava il limone biologico con cura, asciugalo bene, sfilettane sottilmente (o grattugiane) solo la parte gialla della scorza (quella bianca comprometterebbe la buona riuscita del piatto, perché amara) e tienila da parte.

Metti sul fuoco una pentola con abbondate acqua e, quando avrà raggiunto il punto di ebollizione, aggiungi il sale grosso e tuffaci dentro la pasta.

Come fare sciogliere il burro in un pentolino sul fuoco

Nel mentre che gli spaghetti cuociono, fai fondere il burro in un pentolino a fiamma molto bassa.

Poi lascialo intiepidire leggermente e mettilo in una grossa ciotola assieme al caviale e alla buccia di limone grattugiata tenuta da parte.

Una volta che la pasta sarà arrivata al dente, scolala e versala subito nella ciotola contenente il condimento.

Unisci qualche goccia di succo di limone filtrato e aggiungi pochissima acqua di cottura solo se lo reputi necessario.

Spolvera con pepe nero macinato al momento e mescola accuratamente con delicatezza prima di trasferire gli spaghetti al caviale senza panna aggiunta nei singoli piatti, decorarli, se vuoi, con un ciuffetto di prezzemolo e con  un ricciolo di burro in superficie e servirli subito in tavola con un vino bianco fruttato, tipo il Traminer del Trentino o il Muller Thurgau per enfatizzare il gusto unico di questo primo piatto delle occasioni speciali.

Varianti

Altre versioni maggiormente elaborate prevedono l’aggiunta equilibrata e sapiente di pochissima panna acida e di cipollina fresca tagliata a filetti  molto sottili o di 1 bicchierino di wodka da sfumare con il burro per dare alla pasta con il caviale un tocco decisamente particolare e molto originale.

Altre idee di primi piatti appetitosi e di figura:

Credito foto intestazione: TummyRumble per Flickr.com

Credit photo uova di capelin: Matt Johnson per Flickr.com

Credito foto burro fuso: Taryn per Flickr.com

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenta con il tuo profilo Facebook