Risotto allo zafferano: la ricetta

Come fare il risotto allo zafferano, gustoso piatto lombardo: la ricetta classica con ingredienti, dosi e istruzioni.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il risotto allo zafferano spesso viene confuso con il risotto alla milanese , ma, pur essendo preparazioni simili ed entrambe tipiche della Lombardia, i due piatti presentano differenze negli ingredienti: nel risotto allo zafferano non è previsto l’impiego del midollo, mentrenella ricetta del risotto alla milanese classica non è presente il vino bianco.

Se non volete adoperare il midollo di bue o se vi è difficile reperirlo, fate allora l’ugualmente buono risotto allo zafferano, la cui invenzione viene attribuita a Valerio di Fiandra che, lavorando alla fine del 1400 alle vetrate del Duomo di Milano, mise lo zafferano nel suo pasto a base di riso per….. colorarlo di allegria. 🙂

Io uso prevalentemente il riso Carnaroli, ma alcuni preferiscono adoperare quello di qualità Arborio che, personalmente, trovo meno adatto per cucinare il riso con lo zafferano.

Si tratta comunque di una questione di gusto, visto che alla scuola di cucina del famoso albergo Gritti Palace di Venezia i maestri chef insegnavano a cucinare il risotto allo zafferano con il riso di varietà Vialone nano.

Ecco la ricetta.

Ingredienti:

400 grammi di riso Carnaroli;
100 grammi di burro;
1/2 cipolla o 3-4 scalogni;
120- 150 grammi di parmigiano reggiano grattugiato;
2 litri di brodo di carne chiaro;
1/2 bicchiere di vino bianco secco;
1 bustina di zafferano;
2 foglie di salvia fresca;
1 bustina di zafferano;
olio di oliva q.b;
sale q.b;
pepe q.b.

Preparazione del risotto giallo allo zafferano

Fate scaldare il brodo di carne in una pentola, portate a bollore e abbassate la fiamma al minimo.

Nel frattempo mettete in un’ altra casseruola 1 cucchiaio di olio e 50 grammi di burro e fatevi appassire la cipolla precedentemente sbucciata e tritata finemente, mescolando con un cucchiaio di legno e facendo attenzione che non frigga.

Quando la cipolla inizia a prendere colore, aggiungete il riso, mescolate e fatelo tostare brevemente, facendogli assorbire bene il burro e prestando attenzione che non attacchi sul fondo.

Spruzzate poi col vino bianco e lasciate evaporare l’alcol a fuoco vivace.

Bagnate quindi con il brodo bollente: il brodo che aggiungerete durante la preparazione del riso allo zafferano deve essere sempre molto caldo.

Mescolate sempre col cucchiaio di legno e quando il liquido sarà quasi assorbito, versatene altri 2 mestoli e continuate a cuocere, mescolando di continuo: questa operazione è da ripetere fino a quando il riso sarà cotto.

Dopo circa 10 minuti di cottura versate lo zafferano che avrete diluito in poco brodo caldo e mescolate per farlo amalgamare bene al riso.

Continuate a cuocere, sempre mescolando e aggiungendo brodo caldo ogni volta che quello versato precedentemente viene assorbito, per altri 10 minuti circa.

Poi levate il risotto allo zafferano dal fuoco, aggiungete il burro rimanente, la salvia e il parmigiano, aggiustate di sale ( assaggiando, in quanto il brodo è già salato in sé ), unite il pepe e mantecate, mescolando per qualche minuto, affinché il tutto si amalgami perfettamente.

Lasciate riposare qualche istante, in modo che s’insaporisca ulteriormente e servite il risotto allo zafferano anche accompagnato a ossibuchi alla milanese, funghi, salsicce e carni arrostite in genere.

Credit photo : Giorgio Minguzzi for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

9 commenti su “Risotto allo zafferano: la ricetta

    1. Ciao Elisa.Con questo freddo mi compro lo zafferano e me lo cucino oggi stesso 😉

    1. quella, a parte e..ce sta benissimo.Ma comprendimi, nella ricetta del puro risottoallo zafferano….che c’entra la salsiccia? Love

  1. Io amo i risotti! Questo allo zafferano lo faccio abbastanza spesso ma ti confesso che non ero bene al corrente della differenza con quello “alla milanese”. Ora leggendo il tuo post mi rendo conto che io faccio quello semplice, senza il midollo di bue.
    Ma sai che l’uso della salvia in questo piatto non lo conoscevo? Ottimo suggerimento 🙂

    Un bacio!

    1. Io il midollo non lo trovo quasi mai, quindi…evvai col risotto allo zafferano.Ciao, mia cara Maris, un abbraccione!

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro