Cavatelli ai pomodorini e rucola alla pugliese

I cavatelli con pomodorini, rucola, cipollotti, acciuga, pecorino e aromi sono un gustoso e sano primo piatto tipico della cucina pugliese da provare assolutamente: la ricetta con le indicazioni per prepararli al meglio.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Si possono condire i cavatelli, tipo di pasta fresca di semola fatta generalmente in casa originario del Molise e diffuso poi in Puglia e nel Meridione dove vengono chiamati anche capunti, in moltissimi modi, ma la ricetta che trovo più adatta all’estate e che mi piace di più è questa dei cavatelli ai pomodorini e rucola della cucina pugliese.

Quello che ti propongo in questo post è un primo piatto da servire caldo, ma puoi anche portare in tavola la variante fredda in insalata, accompagnando i cavatelli con un sugo preparato a crudo e costituito dagli stessi ingredienti con l’aggiunta di aglio finemente tritato (se per te l’aglio è di difficile digeribilità, leggi cosa fare per renderlo meno pesante) e usando preferibilmente al posto della pasta fresca quella secca in questo tipico formato dalla forma allungata e incavata verso la parte interna che ricorda un po’ quella degli gnocchetti sardi.

Con l'apposita macchinetta si fanno i cavatelli in modo rapido e semplice

I cavatelli si possono realizzare a mano o con l’apposita macchinetta, ma, per fare prima, li puoi acquistare già pronti nei pastifici artigianali e presso i banchi dei supermercati ben forniti delle località dove il loro consumo è diffuso.

Se non li riesci a reperire già fatti, leggi le istruzioni dettagliate per preparare i cavatelli in casa passo per passo.

Ingredienti per 4 persone:

400 grammi di cavatelli di pasta fresca

24 pomodorini ciliegini

2 filetti di acciuga sotto sale

2 cipollotti

2 mazzetti di rucola

1 cucchiaino di semi di finocchio

2 pizzichi di peperoncino a scaglie

4 cucchiai di formaggio pecorino romano grattugiato

4 cucchiai di olio extravergine di oliva

sale q.b

Preparazione dei cavatelli con pomodorini freschi e rucola secondo la ricetta pugliese

Pulisci i cipollotti, lavali, asciugali e riducili a rondelle sottili, compresa un po’ della loro parte verde.

Trasferiscili dal tagliere in una padella capiente, aggiungi l’olio extravergine di oliva, il peperoncino e i semi di finocchio leggermente pestati e fai soffriggere il tutto a fiamma moderata per circa 3-4 minuti.

Monda l’acciuga salata, lavala, scolala, asciugala bene spezzettane con le mani i 2 filetti ottenuti, aggiungili alla padella e falli sciogliere fuori dal fuoco, eventualmente mescolando il composto con il cucchiaio di legno.

Poi unisci i pomodorini ben lavati e divisi in due, aggiusta di sale, alza la fiamma e rimetti a cuocere il tutto per altri 4-5 minuti circa fino a quando i pomodorini avranno cominciato a diventare morbidi.

Nel frattempo monda la rucola, sciacquala sotto al getto d’acqua fredda del rubinetto, strizzala con le mani, asciugala, spezzettala grossolanamente e tienila da parte.

Metti sul fuoco una pentola con abbondante acqua e, quando avrà raggiunto il punto di ebollizione, salala e tuffaci dentro i cavatelli.

Quando questi saranno cotti al dente, scolali, trasferiscili nella padella e falli saltare assieme al condimento a fuoco medio per circa 1 minuto, mescolando con delicatezza in continuazione e aggiungendo, solo se è il caso, poca acqua calda di cottura della pasta.

Infine trasferisci i cavatelli ai pomodorini freschi e rucola in una terrina capiente, spolverizzali con il pecorino romano grattugiato e servili subito in tavola l’aromatico e sfizioso piatto con un vino bianco secco e giovane, tipo il pugliese San Severo Trebbiano.

 

Se ti piace la cucina della Puglia, dai un’occhiata anche a:

Credit photo macchinetta per cavatelli: mammamiakitchen.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro