Crema pasticcera senza maizena: 3 varianti

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La crema pasticcera, molto versatile e tra le più usate in pasticceria, viene impiegata principalmente nella farcitura e nell’accompagnamento di torte e pasticcini, ma anche per preparare molte varietà di dolci a cucchiaio.

Solitamente adoperavo la maizena, o amido di mais, come addensante, ma ho scoperto da poco di essere allergica a questo ingrediente e ho dovuto rinunciare ad usarlo.

Per chi non vuole ( o, come me, non può ) impiegare prodotti a base di granturco in cucina, suggerisco queste 3 ricette di crema pasticcera senza maizena, tratte da ” Il talismano della felicità” della sempre grande Ada Boni.

In queste 3 ricette non è previsto l’uso della panna.

 Crema pasticcera classica

Ingredienti per la farcitura di una torta per 6 persone:

3 cucchiai di zucchero in polvere ( 90 grammi );
65 grammi di farina;
3 tuorli d’ uova fresche;
1/2 litro di latte;
1 noce di burro ( facoltativa );
1 pezzo di buccia di limone non trattato;
1 punta di vaniglina.

Mettete in una casseruola lo zucchero in polvere e i tuorli d’uovo,  mescolate il tutto col cucchiaio di legno e unite la farina a poco a poco e sempre girando il composto.

Poi, una volta che il composto sarà ben amalgamato, aggiungete una punta di vaniglina e il pezzo di scorza di limone biologico, evitando assolutamente che alla buccia rimanga attaccata la parte bianca ( è amara ).

Mettete sul fuoco un pentolino con il latte e, quando questo avrà raggiunto il punto di bollore, versatelo, poco alla volta, nel composto, mescolando e sciogliendolo bene con l’aiuto di una piccola frusta da cucina.

Quando avrete finito di unire tutto il latte disponibile e la crema  risulterà ben amalgamata ed omogenea, mettete la casseruola sul fuoco e mescolate in continuazione, adoperando, stavolta, il cucchiaio di legno al posto della frusta.

La crema pasticcera comincerà ad addensarsi gradualmente.

Continuate a mescolare e , una volta raggiunta l’ebollizione, fate cuocere per circa 5 minuti per fare il modo di eliminare il gusto di farina.

Togliete poi la casseruola dal fuoco e, se volete, aggiungete 1 noce di burro per conferire alla crema pasticcera una consistenza maggiormente fine.

Mescolate ancora e lasciate raffreddare la crema, avendo l’accortezza di girarla di tanto in tanto per evitare che si formi la pellicola in superficie.

Crema pasticcera al cioccolato

Ingredienti:

gli stessi della crema pasticcera classica + 2 cucchiai colmi di cioccolato ( o di cacao in pasta) + 1 cucchiaino di latte.

Raschiate il cioccolato con l’aiuto della lama di un coltello e mettetelo in un pentolino con il latte e, tenendo il recipiente al caldo vicino al fuoco, lasciate che si sciolga completamente.

Preparate la crema pasticcera come indicato sopra e, prima di toglierla dal fuoco, aggiungete il cioccolato fuso.

Profumate con una puntina di vaniglina, mescolate accuratamente e trasferite la crema pasticcera al cioccolato in una terrina.

Se la crema dovesse risultare troppo densa, aggiungete poco latte in piccole quantità per diluirla, mescolando.

Crema pasticcera allo zabaione

Ingredienti:

quelli della ricetta base + 1 bicchierino di Marsala.

Fate la crema pasticcera classica e, una volta che questa sarà pronta, travasatela in una terrina e incorporate il Marsala a poco a poco, girando col cucchiaio di legno.

Non dimenticate il suggerimento di mescolare ogni tanto la crema pasticcera mentre diventa fredda per evitare la formazione della pellicola.

La crema pasticcera non va congelata ( anche se alcuni consigliano di farlo, ma perde in sapore e consistenza ) e si conserva, coperta, in frigorifero per un massimo di 3 giorni.

Credit photo: Flickr.com by Leonard J Matthews

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Un pensiero su “Crema pasticcera senza maizena: 3 varianti

  1. Grazie carissima molto buone e..io sono cosi pigra di farle ma anche non le devo gustare me poverina che quando mi serve acquisto quella pronta 🙁 Però non avevo tutte queste versioni per cui prendo nota in cartaceo.
    Buon San Valentino

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro