Gnocchetti sardi, o malloreddus, alla campidanese

Come preparare i tipici e gustosi malloreddus con un ragù a base di salsa di pomodoro, salsiccia fresca, aneto e zafferano: la ricetta originale dei gnocchetti sardi alla campidanese.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

I malloreddus sono i tipici gnocchetti sardi a base di semola di grano duro e dalla forma a conchiglia allungata e rigata.

Nell’Isola vengono serviti in molteplici occasioni e conditi in vari modi, ma la preparazione maggiormente diffusa ( e la più golosa secondo me ) sono i malloreddus alla campidanese ( il Campidano, o Campidanu in dialetto, è la pianura situata tra il Golfo di Oristano e quello di Cagliari ), gnocchetti asciutti accompagnati da un ragù fatto con pomodoro, salsiccia, zafferano e aneto.

Sono proprio questi due ultimi ingredienti a dare ai gnocchetti sardi un sapore del tutto particolare che a me piace molto, ma puoi anche ometterli se non ne gradisci l’aroma.

Per l’ottimale riuscita della ricetta occorrerebbe adoperare gnocchetti sardi fatti a mano, reperibili in molti negozi italiani di pasta fresca, ma, se non li trovi o non hai tempo per prepararli in casa, puoi anche usare quelli secchi ( in fondo al post puoi guardare un video con la preparazione base ).

E ricordati d’impiegare Pecorino Sardo fresco, evitando assolutamente quello stagionato e il romano.

Ingredienti per 4 persone:

400 grammi di gnocchetti sardi freschi;
270 grammi di pecorino sardo fresco;
320 grammi di salsiccia fresca;
330 grammi di passata di pomodoro;
1 cipolla;
2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
1 rametto di aneto fresco;
1/2 bustina di zafferano in polvere;
sale q.b.

Preparazione dei gnocchetti sardi col sugo alla campidanese

Togli la buccia alla cipolla, lavala, asciugala, tritala e mettila in una padella a farla appassire nell’olio extravergine di oliva a fuoco lento.

Elimina la pelle della salsiccia, aggiungi la polpa fatta grossolanamente a pezzi al soffritto e falla insaporire per una decina di minuti a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto col cucchiaio di legno e facendo attenzione che non bruci.

Poi aggiungi la passata di pomodoro, unisci il rametto di aneto e lo zafferano, aggiusta di sale e continua la cottura a fuoco dolce per circa 1 ora, sempre girando ogni tanto e aggiungendo dell’acqua calda se la salsa si rapprendesse troppo.

Mentre il sugo cuoce, grattugia il Pecorino Sardo, mettilo in una ciotolina e fallo scaldare un po’ a bagnomaria per farlo diventare morbido.

Cuoci gli gnocchi in acqua bollente salata e scolali appena saranno al dente.

Nel frattempo preleva 2-3 cucchiai dell’acqua di cottura della pasta, aggiungili al pecorino e mescola bene per farlo diventare una crema morbida.

Condisci i malloreddus col ragù di pomodoro e la salsa di pecorino, mescola bene e servili in tavola ben caldi.

Oltre che coi gnocchetti sardi, il sugo alla campidanese si accompagna molto bene anche coi Culurgiones, i ravioli fatti a mano tipici dell’Ogliastra, ma in questo caso occorre evitare l’uso dell’aneto e diminuire la dose di Pecorino Sardo, già contenuto nel ripieno.

Come fare i malloreddus in casa ( credit video: Cucina Italiana di Casa )

Credit photo:  Ewan Munro for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

2 commenti su “Gnocchetti sardi, o malloreddus, alla campidanese

  1. Buono però togliere un ingrediente non sarebbe la stessa cosa. Freschi qui non si trovano solo secchi e pecorino molti ma il sardo non l ho mai visto. Bisognerà che mi accontenti. Buona giornata cara grazie della risposta ricetta.

    1. strano che a Trieste non si riesca a trovare il pecorino del tipo sardo.E’ un vero peccato perchè anche con le fave è una squisitezza.Un abbraccio, cara Edvige.

      s

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro