Respira che ti passa: come respirare bene

Recensione del libro " respira che ti passa! " di Jayadev Jaerschky, allievo del maestro yogi Yogananda: nel volume sono presenti esercizi e suggerimenti pratici per respirare nel modo corretto e mantenersi in salute.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Respira che ti passa!“, libro uscito da poco e distribuito da Macrolibrarsi, insegna le proprietà curative di un corretto respiro: respirare nel modo giusto risana e guarisce innumerevoli malattie e disturbi.

Ho comprato la scorsa settimana questa pubblicazione, la sto ancora leggendo e la trovo interessantissima e molto utile.

L’autore è Jayadev Jaerschky, uno dei maggiori insegnanti di yoga , filosofia e meditazione: allievo del famosissimo  Yogananda, pratica le 3 discipline fin da quando aveva 15 anni e attualmente risiede nei pressi di Assisi al centro Ananda.

Viene chiamato ad insegnare in molte nazioni del mondo ed è il direttore attuale dell’Accademia Europea di  Yoga Ananda , centro specializzato nella formazione di nuovi insegnanti.

E’ stato autorizzato  a iniziare gli allievi  al sacro Kriya Yoga ed ha scritto 6 libri su argomenti spirituali e yoga, tra cui “ L’eterno presente” e  ” Gli Esercizi di Ricarica di Paramhansa Yogananda“.

Respira che ti passa!” è un vero e proprio manuale sulla giusta respirazione  consapevole che aiuta in problemi psicologici di varia natura, contribuisce alla guarigione fisica e al mantenimento della salute, previene le malattie  e costituisce anche una pratica spirituale.

Argomenti trattati in ” Respira che ti passa!

Questa guida pratica, contiene più di 30 tecniche di respirazione specifiche ed è strutturato in questo modo:

  • inizia con una spiegazione sul potere risanante del respiro, cosa di cui spesso non siamo consapevoli;
  • seguono consigli su come è possibile cambiare le abitudini sbagliate del nostro usuale modo di respirare;
  • l’ ulteriore argomento affrontato è “il prana” ( l’energia ), in cui si spiega perché in Oriente le tecniche respiratorie sono conosciute come “pranayama” e si parla dei principi ed avvertenze per la pratica;
  • poi si passa alla pratica con una serie di tecniche semplici e facili da praticare per tutti in varie situazioni;
  • un capitolo è dedicato ai pranayama classici con una serie di posizioni yoga specifiche per il respiro;
  • seguono i famosi ” Esercizi di ricarica” di Yogananda, tecnica di respirazione molto particolare;
  •  in conclusione  si trova un capitolo di carattere scientifico sull’importanza della corretta respirazione, utile anche per mantenere giovane il cervello e potenziare le funzionalità cerebrali.

Alla pubblicazione è allegato un cd di esercizi pratici su una selezione di respirazioni  e pranayama tratti dal libro stesso, la cui durata è di circa un’ora.

Insomma, ” Respira che ti passa! ” non è un modo di dire : respirare in modo corretto è una vera e propria medicina. 🙂

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

9 commenti su “Respira che ti passa: come respirare bene

  1. Un libro particolare davvero! Certo noi (intendo la maggioranza delle persone) respiriamo meccanicamente, non ci interroghiamo su come è corretto farlo, su come sfruttare le tecniche di rilassamento… Insomma, c’è molto da imparare, questo è sicuro.
    Buona settimana, Franci 🙂

    1. Grazie Maris e buona settimana a te.Effettivamente ho scoperto con questo libro che io respiro….malissimo:-)

  2. Perché gli insegnanti di yoga devono avere i capelli lunghi ed essere vestiti da santoni? XD
    Respiro, respiro … 🙂

    Moz-

  3. Ho seguito per 2 anni un corso di yoga… quando inizi a praticarlo ti rendi conto di non aver mai saputo respirare! =)))
    Daniela

    1. Vero, Daniela.Mi sa che dopo la lettura di questo libro farò la stessa cosa 🙂

    1. Capelli corti si, giacca e cravatta in palestra?My Moz, ti adoro, ma…come si fa? 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro