Recuperare le pentole bruciate

credit photo: rochelle hartman

Perchè oggi, a pochissimi giorni dal Natale, scrivo a proposito di come trattare le pentole bruciate?

Beh,ieri, preparando i vari stuzzichini per il buffet natalizio che appronto ogni anno per

fare gli auguri agli amici più cari….ho combinato il solito disastro: mi sono dimenticata una pentola sul fuoco e…, inutile dire, la conseguenza è che ne ho bruciato il fondo. :-(

Oggi ho cercato di recuperare la pentola bruciata, ci sono riuscita e mi è venuto in mente di scrivere questo post, sperando di essere, in questo modo, di qualche utilità a chi, come me, è distratto e indaffarato e…..si scorda di avere una pentola sul fuoco. :-)

La prima cosa da fare è quella di cercare di togliere del tutto  o quasi) il cibo incrostato e bruciacchiato, servendoci di carta da cucina, e, se rimangono residui come spessissimo accade, mettere nella pentola, o padella che sia, acqua calda con detersivo per piatti ( possibilmente detergente naturale per stoviglie ) e lasciare agire per qualche ora.

Trascorso questo tempo, aiutandoci con paglietta o spugnetta non abrasiva ( a seconda del tipo di materiale e se il rivestimento interno è antiaderente o no), cerchiamo di togliere le incrostature dal fondo il più possibile, usando anche….”olio di gomito”. :-)

A questo punto esistono diversi procedimenti, ma io voglio indicarvi quelli che, per mia esperienza personale, reputo quelli che mi hanno permesso di avere i migliori risultati nel recupero di pentole e padelle bruciate sul fondo.

Se le incrostazioni sono superficiali e la pentola presenta poche zone bruciate, la cosa migliore da fare è quella di riempirla di acqua, aggiungere 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio e una manciata di sale grosso, portare a bollore, fare cuocere per mezz’ora a fiamma bassa, spegnere, lasciare raffreddare e poi procedere alla rimozione dei residui.

Se, invece, la pentola o padella è davvero malconcia io seguo un vecchio rimedio della nonna: riempio d’acqua fredda, aggiungo 2 o 3 cucchiai di bicarbonato, mezzo  o 1 bicchiere di aceto bianco ( le dosi sono in funzione della capienza della pentola o padella bruciata) e faccio bollire il tutto per 1 ora circa e lascio riposare fino a quando il liquido diventa tiepido.

Poi procedo alla rimozione dei residui anneriti e, se non riesco a farli venire via del tutto, ripeto 1 o 2 volte l’intero procedimento.

Se le incrostazioni resistono ancora faccio bollire nella pentola acqua con 1 pugno di sale grosso e 1 di bicarbonato per 1 ora e poi lascio riposare 24 ore prima di procedere allo sfregamento dei residui di bruciato.

C’è anche un altro sistema, che, però, a volte funziona bene ed altre meno: la Coca Cola.

Io penso che la cosa dipenda dal materiale in cui è fatta la pentola bruciata: io, personalmente, ho ottenuto buoni risultati solo con pentolame in acciaio inox.

Ecco il procedimento.

Si mette nella pentola annerita mezzo o 1 litro di Coca Cola, si copre col coperchio ( in modo che l’evaporazione della stessa avvenga lentamente), si accende il fuoco a fiamma bassa e si cuoce fino alla quasi totale evaporazione del liquido.

Poi  si sfrega con una spugnetta inox e….sugo di gomito..-)

La Coca Cola  è anche particolarmente utile per rimuovere l’unto ostinato da padelle e pentole, usando lo stesso procedimento che ho indicato o, per le parti esterne, passandole con una spugnetta imbevuta di Coca tiepida.

Ma, se con questi metodi non si ottengono risultati, vuol dire che la pentola bruciata è irrimediabilmente persa: buttiamola via e non sprechiamo altro tempo e fatica inutilmente per cercare di salvare ….il ” non salvabile”. :-)

Nel caso si trattasse di una padella antiaderente consoliamoci pensando che la corretta manutenzione della batteria di cucina, prevede il ricambio del pentolame antiaderente ogni 2 anni anche se il materiale non risulta danneggiato all’occhio.

Ed ora, visto che è quasi Natale, voglio farvi i miei migliori auguri con “Rapido”di Ilario Schanzer, uno dei miei autori preferiti, che potete trovare su Facebook

BUON NATALE, allora, con il recupero delle pentole bruciate e Ilario!


articoli correlati:

pulizia e trattamenti per le padelle di ferro trattamenti e pulizia delle pentole in acciaio inox manutenzione della batteria da cucina



Be Sociable, Share!

17 thoughts on “Recuperare le pentole bruciate

  1. Grazie!! ho rovinato una casseruola, cioè…non solo una ma questa è gravemente danneggiata…provo come dici tu, sei un mito! Rinnovo un mondo di auguri a te, bacioni

  2. Grazie della visita e del commento.Si possono trovare su YouTube e Facebook cliccando sui link indicati nel post. :-)

  3. Questo blog fornisce una risposta finalmente valida ai mille problemi che si pongono a chi gestisce una casa ed una famiglia ; Grazie e buon natale a tutti :-))) Brunella 83

  4. ottima l’idea di pubblicare brani di autori nuovi da scoprire ; Rapido e’ stupendo, continuate cosi’

  5. … io lascio agire della candeggina sul fondo bruciato, magari per una notte. E se non viene via, ripeto ;)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>